LA FILOSOFIA

Un uomo dovrebbe essere solo umano – totale, integro. Da quella integrità si manifesterà un nuovo tipo di salute.

Ritrovare il contatto tra il corpo e la mente, tra l’interno e l’esterno, tra la luce e il buio, tra il maschile e il femminile: questa è la strada. Si tratta di una strada lunga e complessa, che porta due mondi lontani ad avvicinarsi: da una parte l’Oriente interiore e dall’altra l’Occidente esteriore. Due mondi in povertà: l’una materiale, l’altra dell’anima (ansia, stress, tensione).

L’individuo in salute nasce dalla fusione di questi due opposti: sarà un uomo contemporaneamente interiore ed esteriore, santo e scienziato, maschile e femminile.

L’Occidente rappresenta la mente maschile e l’Oriente la mente femminile: intelletto aggressivo e attivo e intuizione ricettiva e passiva. Il maschile conquista, il femminile si lascia conquistare.

L’essere umano è un’unione armoniosa degli opposti.

Già nel Simposio di Platone il mito narra che un tempo non esistevano né uomini né donne. Gli umani erano tondi e contenevano in sé sia il maschile che il femminile e per ciò erano molto potenti. Zeus, per indebolirli, decise di dividerli in due: il maschio e la femmina.

Riunificare gli opposti è ciò che ci permetterà di riappropriarci della nostra potenza.

error: Content is protected !!